Per offrire una migliore esperienza di navigazione, per avere statistiche sulle nostre campagne promozionali e sull'uso dei nostri servizi da parte dell’utenza, per farti visualizzare contenuti pubblicitari in linea con le tue preferenze ed esigenze, questo sito usa cookie anche di terze parti. Chi sceglie di chiudere questo banner o di proseguire nella navigazione cliccando al di fuori di esso esprime il consenso all'uso dei cookie. Per saperne di più o per modificare le tue preferenze sui cookie consulta la nostra Cookie Policy
Stampa

Vitamina B7 (inositolo)

Pubblicato in Enciclopedia medica


Che cos’è la vitamina B7?

Nota anche con il nome di inositolo, la vitamina B7 è una sostanza essenziale per l'organismo umano. In parte viene prodotta dall'organismo stesso in modo autonomo, in parte viene introdotta mediante l'alimentazione (ne sono buone fonti gli agrumi, i cereali integrali, il tuorlo d’uovo, le noci, le banane, la carne e il fegato). Sebbene assuma il nome di "vitamina", attualmente è considerata un nutriente cosiddetto "vitamino-simile", e non una vera e propria vitamina.

 

Come le altre vitamine del gruppo B anche la vitamina B7 o inositolo risulta essere idrosolubile: come tale non può essere accumulata nell'organismo e deve quindi essere assunta con regolarità mediante una dieta varia ed equilibrata.


A che cosa serve la vitamina B7?

Il compito più importante che la vitamina B7 o inositolo svolge all'interno dell'organismo umano è quello di partecipare alla produzione della lecitina - sostanza in grado di mantenere pulite le pareti interne delle arterie - e di ridurre, di conseguenza, la presenza di colesterolo nel sangue. Oltre a ridurre la presenza dei grassi nel sangue la vitamina B7 è in grado di contenere i depositi di grasso a livello epatico. Poiché protegge le cellule nervose, questa vitamina aiuta a combattere lo stress e facilita il mantenimento di una buona memoria.


In quali alimenti è presente la vitamina B7?

Sono molti gli alimenti che contengono la vitamina B7: si va dalla frutta (agrumi, banane, noci), passando per il lievito di birra, i cereali integrali e il tuorlo d’uovo, fino ad arrivare alla carne (soprattutto il fegato).

Qual è il fabbisogno giornaliero di vitamina B7?

Per un adulto il fabbisogno quotidiano medio di vitamina B7 è di circa 500 mg al giorno.


Carenza di vitamina B7

La carenza di vitamina B7 è molto rara. I sintomi da carenza di vitamina B7 - condizione che si manifesta molto raramente - sono ipoglicemiaacidosi e desquamazione della pelle.

 

La rarità della carenza di questa vitamina è data dal fatto che un'alimentazione equilibrata è più che sufficiente a garantirne l'apporto medio giornaliero.


Eccesso di vitamina B7

Nel caso - molto raro - in cui si assumano eccessive quantità di questa vitamina, i sintomi caratteristici sono difficoltà di digestione, perdita dell’appetito, eccessiva sudorazione ed eccessiva salivazione. Poiché, però, la quantità di vitamina B7 assunta oltre il fabbisogno viene espulsa attraverso le urine, è molto raro registrare casi di eccesso di vitamina B7.


L’inositolo è davvero una vitamina?

Sebbene sia noto anche con il nome di vitamina B7, l'inositolo è in realtà una sostanza "vitamino-simile" e appartiene al gruppo delle cosiddette "non-vitamine B". La sua azione risulta però comunque strettamente connessa a quella delle altre vitamine del gruppo B - soprattutto alla biotina (vitamina B8), all'acido folico (vitamina B9) e all'acido pantotenico (vitamina B5).

 

 

L'OSPEDALE

Ospedale polispecialistico a Bergamo con aree specializzate per la cura di malattie cardiovascolari, tumorali, ortopediche e legate all’obesità con un centro diagnostico all’avanguardia

Campagne di prevenzione

"ComunicAnimare la salute", un innovativo progetto di promozione della salute in collaborazione con Bruno Bozzetto.

L'UNIVERSITA'

Humanitas Gavazzeni pone particolare attenzione verso le attività di didattica, formazione e ricerca.