Per offrire una migliore esperienza di navigazione, per avere statistiche sulle nostre campagne promozionali e sull'uso dei nostri servizi da parte dell’utenza, per farti visualizzare contenuti pubblicitari in linea con le tue preferenze ed esigenze, questo sito usa cookie anche di terze parti. Chi sceglie di chiudere questo banner o di proseguire nella navigazione cliccando al di fuori di esso esprime il consenso all'uso dei cookie. Per saperne di più o per modificare le tue preferenze sui cookie consulta la nostra Cookie Policy
Stampa

Vitamina B8 (biotina)

Pubblicato in Enciclopedia medica


Che cos’è la vitamina B8

Nota anche con i nomi di biotinavitamina H o vitamina I, la vitamina B8 appartiene al gruppo delle vitamine idrosolubili, ovvero quelle vitamine che non possono essere accumulate nell'organismo e che quindi devono essere assunte con regolarità mediante una dieta varia ed equilibrata per assicurarne il giusto apporto.

 

Questa vitamina è caratterizzata dal non essere sensibile alle alte temperature (a differenza di altre vitamine del gruppo B, come la vitamina B5 o acido pantotenico e la vitamina B6), ma risulta sensibile agli alcali e agli acidi.


A che cosa serve la vitamina B8?

La vitamina B8 o biotina prende parte al metabolismo proteico e alle azioni di sintesi degli acidi grassi e del glucosio.

 

Poiché preserva la salute di pelle e capelli, può essere utilizzata per il trattamento delle dermatiti seborroiche, dell'alopecia e dell'acne.


In quali alimenti è presente la vitamina B8?

Sono molti gli alimenti che contengono la vitamina B8 o biotina: latte e formaggi, fegato, tuorlo d’uovo, arachidi, piselli secchi, verdure, funghi e lievito di birra.

Qual è il fabbisogno giornaliero di vitamina B8?

In un adulto il fabbisogno quotidiano medio di vitamina B8 o biotina è molto variabile: va infatti dai 15 ai 100 mg al giorno. A fare la differenza è soprattutto il dispendio energetico: in particolare nelle persone che praticano sport a livello almeno semi-professionale (attività sportiva che richiede un grande dispendio di energia e un’accelerata sintesi proteica) il fabbisogno è massimo, e può anche raddoppiare.

Carenza di vitamina B8

Poiché la vitamina B8, o biotina, viene prodotta in quantità abbondanti dalla flora intestinale, è raro che si registrino casi di carenza di questa vitamina. Particolare attenzione deve essere dedicata, a livello alimentare, al consumo eccessivo di albume d’uovo crudo, che è un antagonista della biotina (e che quindi può effettivamente comportare carenza della vitamina). I sintomi della carenza di vitamina B8 sono affaticamento generale, nausea, depressione, alterazioni a carico della cute.

Eccesso di vitamina B8

A oggi non si conoscono effetti indesiderati provocati da un’eccessiva assunzione di vitamina B8.

È vero che una carenza di vitamina B8 può provocare i crampi notturni?

crampi notturni generalmente sono provocati da particolari posizioni assunte durante il sonno e dal fatto che la circolazione all'interno degli arti a riposo risulta rallentata. Ma tra le concause all'origine di questo disturbo muscolare vanno certamente messe in evidenza alcune carenze nutrizionali come la carenza di magnesio, di ferro e di alcune vitamine, tra le quali proprio la vitamina B8 o biotina.

 

 

L'OSPEDALE

Ospedale polispecialistico a Bergamo con aree specializzate per la cura di malattie cardiovascolari, tumorali, ortopediche e legate all’obesità con un centro diagnostico all’avanguardia

Campagne di prevenzione

"ComunicAnimare la salute", un innovativo progetto di promozione della salute in collaborazione con Bruno Bozzetto.

L'UNIVERSITA'

Humanitas Gavazzeni pone particolare attenzione verso le attività di didattica, formazione e ricerca.