Per offrire una migliore esperienza di navigazione, per avere statistiche sulle nostre campagne promozionali e sull'uso dei nostri servizi da parte dell’utenza, per farti visualizzare contenuti pubblicitari in linea con le tue preferenze ed esigenze, questo sito usa cookie anche di terze parti. Chi sceglie di chiudere questo banner o di proseguire nella navigazione cliccando al di fuori di esso esprime il consenso all'uso dei cookie. Per saperne di più o per modificare le tue preferenze sui cookie consulta la nostra Cookie Policy
Stampa

Vitamina F (Omega 3)

Pubblicato in Enciclopedia medica


Che cos’è la vitamina F

Nota con il più popolare nome Omega 3, la vitamina F è composta da una miscela di due acidi grassi essenziali – l’acido linoleico e l’acido alfa-linoleico – ai quali si aggiunge l’acido arachidonico.

 

Appartiene al gruppo delle vitamine liposolubili e, in quanto tale, non deve essere assunta di continuo attraverso l'alimentazione: viene infatti immagazzinata nell'organismo e utilizzata a seconda delle necessità.

 

Poiché è fotosensibile e termolabile, gli alimenti che la contengono vanno protetti dal sole e consumati crudi o dopo breve cottura (meglio invece evitare le cotture lunghe che comportano la dispersione di questa vitamina).


A che cosa serve la vitamina F?

Tra gli effetti più importanti dovuti all'azione della vitamina F o Omega 3 ci sono la prevenzione dell'aterosclerosi (poiché è in grado di ostacolare il deposito di colesterolo e trigliceridi nelle arterie). Gioca inoltre un ruolo importante nel mantenimento dell'integrità di pelle e capelli e favorisce la riduzione del peso corporeo.

In quali alimenti è presente la vitamina F?

Sono soprattutto gli oli vegetali (di girasole, di mais, di arachide, di soia) oltre ad alcuni tipi di frutta secca (mandorle e noci) e alcuni pesci (come salmone e tonno) a contenere buone quantità di vitamina F o Omega3.

Qual è il fabbisogno giornaliero di vitamina F?

Il fabbisogno giornaliero di vitamina F, o Omega 3, non è ancora stato individuato. È però noto che per il nostro organismo il fabbisogno di acidi grassi insaturi aumenta in proporzione alla quantità di acidi grassi saturi e di carboidrati ingeriti: più precisamente, gli acidi grassi essenziali dovrebbero essere introdotti nell’ordine dell’1% rispetto alle calorie totali.

Carenza di vitamina F

La carenza di vitamina F – che risulta essere piuttosto rara – può interessare soprattutto i più piccoli, provocando secchezza e desquamazione della cute.

Eccesso di vitamina F

Non si registrano pericoli dovuti a un eccesso di vitamina F.

È vero che la vitamina F è molto utilizzata in cosmetica?

Sì, è vero. Nota anche come “vitamina della pelle” grazie alla sua capacità di mantenere la cute in salute – favorisce il benessere della membrana cellulare, stimola la rigenerazione delle cellule della pelle e nutre quest'ultima donandole morbidezza ed elasticità –, la vitamina F è inoltre conosciuta per i suoi effetti positivi sui capelli.

 

 

L'OSPEDALE

Ospedale polispecialistico a Bergamo con aree specializzate per la cura di malattie cardiovascolari, tumorali, ortopediche e legate all’obesità con un centro diagnostico all’avanguardia

Campagne di prevenzione

"ComunicAnimare la salute", un innovativo progetto di promozione della salute in collaborazione con Bruno Bozzetto.

L'UNIVERSITA'

Humanitas Gavazzeni pone particolare attenzione verso le attività di didattica, formazione e ricerca.