Per offrire una migliore esperienza di navigazione, per avere statistiche sulle nostre campagne promozionali e sull'uso dei nostri servizi da parte dell’utenza, per farti visualizzare contenuti pubblicitari in linea con le tue preferenze ed esigenze, questo sito usa cookie anche di terze parti. Chi sceglie di chiudere questo banner o di proseguire nella navigazione cliccando al di fuori di esso esprime il consenso all'uso dei cookie. Per saperne di più o per modificare le tue preferenze sui cookie consulta la nostra Cookie Policy
Stampa

Unità Funzionale di Cardiochirurgia mininvasiva video assistita

Pubblicato in Unita' operative

SINTESI


Di che cosa si occupa l’unità funzionale di Cardiochirurgia mininvasiva video assistita

L’unità funzionale di Cardiochirurgia mininvasiva video assistita si occupa di tutto il trattamento chirurgico tradizionale della patologia cardiaca offrendo, laddove sussistono le condizioni, la possibilità di eseguire gli stessi interventi attraverso minincisioni senza divaricare la parete toracica grazie all’utilizzo di una piccola telecamera.

 

Questa tecnica crea i presupposti per un veloce recupero funzionale con rapido ritorno del paziente alle normali attività quotidiane.

ATTIVITÀ CLINICA


Quali patologie vengono trattate nell’ambulatorio di Cardiochirurgia mininvasiva video assistita?

Le patologie trattate nell’ambito dell’ambulatorio di Cardiochirurgia mininvasiva video assistita sono:

  • patologie mitraliche
  • patologie tricuspidaliche
  • difetti dei setti cardiaci
  • neoformazioni benigne delle cavità cardiache
  • ricostruzioni ventricolari sinistre
  • chirurgia coronarica (by-pass)
  • chirurgia valvolare aortica.

 

Per ognuna di queste patologie è necessario verificare il singolo caso clinico e la possibilità di applicazione dell’intervento mininvasivo.

 

L’attività clinica dell’Unità Funzionale di Cardiochirurgia Mininvasiva video assistita viene svolta attraverso la collaborazione e la sinergia di diverse figure professionali: cardiochirurgo, cardio-anestesista, perfusionista, strumentista e personale di sala.

PERCORSO DEL PAZIENTE


Quale percorso viene seguito dal paziente?

In fase pre-operatoria il paziente viene ricoverato nel reparto di cardiologia e sottoposto ad accertamenti che consentano di pianificare e costruire la strategia chirurgica più appropriata alla sua condizione clinica.

 

Due giorni dopo il ricovero il paziente viene operato con la strategia chirurgica predisposta e discussa in precedenza con lo stesso paziente e con i suoi familiari.

 

A intervento concluso il paziente viene portato in terapia intensiva, come tutti gli operati al cuore. La sua degenza in questo reparto può essere particolarmente rapida perché il recupero funzionale è in genere più veloce rispetto a quello che fa seguito agli interventi tradizionali.

 

Dopo un’ulteriore degenza di 4-5 giorni post operatoria di cardiochirurgia il paziente viene dimesso e, qualora necessario, con indicazione a seguire un ciclo di riabilitazione.

EQUIPE


Alfondo AgninoCardiochirurgo, responsabile Unità Operativa

Andrea AntonazzoCardiochirurgo

FAQ


È vero che con un intervento di cardiochirurgia mini-invasiva vi è minor possibilità di riparare la valvola?

È vero piuttosto il contrario. La riparazione della valvola dipende da molteplici fattori quali le condizioni anatomiche della stessa nonché l’esperienza dell’operatore. A tale proposito migliore è la visione della valvola più alta è non solo la possibilità di ripararla, ma anche migliore è la qualità della riparazione stessa.

È vero che con un intervento mini-invasivo ho un recupero più rapido rispetto a un intervento in sternotomia ?

Sì, questa tecnica non solo offre al paziente un indubbio vantaggio estetico ma soprattutto tutta una serie di benefici che possono permettergli un più rapido recupero funzionale e un veloce reinserimento nella vita quotidiana. A tale proposito, l’esperienza dell’equipe di Humanitas Gavazzeni, ormai di oltre 500 casi operati con questa metodica, coincide con la letteratura scientifica internazionale che mette in evidenza, come questo approccio chirurgico riduca non solo la necessità di trasfusioni intra e post operatorie, ma anche il rischio di infezioni, e in maniera significativa il dolore.


Mi è stata diagnosticata una patologia valvolare: come posso fare per sapere se sono candidabile alla Cardiochirurgia Mininvasiva Video assistita?

Tendenzialmente questa procedura può essere applicata alla stragrande maggioranza dei paziente affetti da valvulopatia. Ovviamente vanno valutati i singoli casi per affrontare direttamente con i pazienti e i familiari le corrette indicazioni chirurgiche e illustrare le varie possibilità.

 

 

Clinche Gavazzeni spa- Via Mauro Gavazzeni, 21 - 24125 Bergamo

L'OSPEDALE

Ospedale polispecialistico a Bergamo con aree specializzate per la cura di malattie cardiovascolari, tumorali, ortopediche e legate all’obesità con un centro diagnostico all’avanguardia

Campagne di prevenzione

"ComunicAnimare la salute", un innovativo progetto di promozione della salute in collaborazione con Bruno Bozzetto.

L'UNIVERSITA'

Humanitas Gavazzeni pone particolare attenzione verso le attività di didattica, formazione e ricerca.