Per offrire una migliore esperienza di navigazione, per avere statistiche sulle nostre campagne promozionali e sull'uso dei nostri servizi da parte dell’utenza, per farti visualizzare contenuti pubblicitari in linea con le tue preferenze ed esigenze, questo sito usa cookie anche di terze parti. Chi sceglie di chiudere questo banner o di proseguire nella navigazione cliccando al di fuori di esso esprime il consenso all'uso dei cookie. Per saperne di più o per modificare le tue preferenze sui cookie consulta la nostra Cookie Policy
Stampa

Chirurgia toracica

Pubblicato in Unita' operative

Chirurgia Toracica – Responsabile Dr. Luigi Bortolotti

Attività clinica


Attività dell'Unità Operativa di Chirurgia Toracica

La Chirurgia toracica è organizzata come un centro specializzato nella diagnosi e nella cura di tutte le patologie benigne e maligne del polmone, mediastino, trachea, diaframma, pleura, parete toracica e del passaggio cervico-mediastinico con l’utilizzo di tecniche innovative e all’avanguardia.

 

Si eseguono procedure di pneumologia diagnostica-interventistica come tracheo-broncoscopie esplorative con biopsie, biopsie trans-bronchiali sia del mediastino, soprattutto di linfonodi, sia del polmone.

 

Inoltre vengono adottate procedure terapeutiche come le disostruzioni anche con l’ausilio di laser, ed il posizionamento di endoprotesi.

 

Si effettuano videotoracoscopie mediche nel trattamento e nella diagnosi delle affezioni della pleura con, anche, altri interventi diagnostici ed eventualmente palliativi per versamenti neoplastici.

 

L’offerta più specificatamente chirurgica consiste in tutte le procedure diagnostiche invasive adottabili per la valutazione della patologica toracica: mediastinoscopie, mediastinotomie, video toracoscopie, biopsie chirurgiche della parete toracica e dei linfonodi sovraclaveari.
Viene gestita tutta la traumatologia della parete toracica, della trachea, dei bronchi, del polmone.

 

Per quel che riguarda la patologia funzionale e malformativa del torace l’equipe di Chirurgia Toracica si occupa di interventi di decompressione dell’inlet toracico nelle sindromi dell’egresso toracico (sia per via trans-ascellare che per via sovraclaveare) e correzioni delle malformazioni della gabbia toracica.

 

L’Unità di Chirurgia Toracica può vantare inoltre un’ampia esperienza nelle simpaticectomie toraciche in videotoracoscopia per la cura definitiva dell’iperidrosi palmare e/o ascellare.

 

Vengono effettuati inoltre interventi sulla tiroide per tutte le sue patologie, sia benigne che maligne, inclusi i gozzi che si impegnano nel mediastino. Viene quindi gestito tutto l’aspetto multidisciplinare oncologico ed endocrinologico.

 

Si eseguono interventi per lo pneumotorace spontaneo primitivo e secondario. Vengono utilizzate medicazioni avanzate e moderne tecniche protesiche (terapia a pressione negativa) per il trattamento dell’empiema.

 

Il grosso capitolo della malattia tumorale viene affrontato in termini multidisciplinari con la partecipazione, oltre che del chirurgo toracico, dello pneumologo, del radiologo, del medico nucleare, dell’oncologo, del radioterapista, dell’anatomopatologo e dell’anestesista-rianimatore.

 

L’offerta terapeutica dell'Unità di Chirurgia Toracica spazia dall’asportazione di tumori mediastinici, di tumori bronco-polmonari (resezioni mini-invasive conservative, resezioni anatomiche come segmentectomie, lobectomie e pneumonectomie, eventualmente integrate da tecniche ricostruttive tracheo-bronco-vascolari o con ampie resezioni di parete toracica e di altre strutture, come nella pleuro-pneumonectomia con frenectomia e pericardiectomia nel trattamento del mesotelioma pleurico).

 

L’ Unità operativa di chirurgia toracica interviene  nel campo delle metastasi polmonari, con approcci efficaci, anche mediante  asportazione LASER.

 

Per vedere la video-intervista dell'equipe di Chirurgia Toracica che presenta la nuova tecnica VATS LOBECTOMY (lobectomia toracoscopica) cliccare qui.

GIOT

 

Che cosa è

 

Il GIOT, Gruppo Interdisciplinare di Oncologia Toracica, è un gruppo di medici di diverse specialità che si occupano dei tumori che si localizzano nel torace e coordinandosi tra loro individuano il piano di cura più opportuno e adeguato per il singolo paziente.

Nel 2012 il GIOT ha discusso circa 200 casi. I malati hanno sempre espresso notevole soddisfazione nel sapere che il loro caso veniva affrontato contemporaneamente da diversi specialisti.

 

Di quali patologie si occupa

 

I tumori maggiormente seguiti sono quelli del polmone: il tumore bronco-polmonare rappresenta ancora la causa più frequente di morte per neoplasia nel mondo occidentale.

Altre neoplasie di cui si occupa il GIOT sono quelle a carico della pleura, che è quella pellicola che ricopre i polmoni e che tappezza la cavità toracica dove i polmoni sono contenuti; il più conosciuto è il mesotelioma che come sappiamo è legato all’esposizione, soprattutto di tipo lavorativo, dell’amianto e dei suoi derivati.

Inoltre  i tumori del mediastino, che si localizzano in quello spazio che sta tra i due polmoni e dietro lo sterno e che possono trarre origine da organi e tessuti presenti in questa regione: tumori del sistema linfatico e del timo, disgerminomi, tumori a carico di vasi, nervi, esofago e trachea.

 

Come lavora il GIOT

 

Settimanalmente i Chirurghi toracici si ritrovano insieme agli Oncologi, Radioterapisti, Radiologi, Medici Nucleari, Internisti e discutono i singoli casi in agenda.

Ogni caso prevede un’attenta analisi dei dati clinici disponibili, una discussione multidisciplinare e, infine, la codifica di un piano diagnostico-terapeutico.

In un’unica seduta viene elaborato un piano clinico e diminuisce la necessità di ripetute visite da parte del singolo paziente. Le visite quindi vengono ridotte a quelle strettamente necessarie per rendere operativo il progetto terapeutico elaborato.

Il rapporto medico-paziente non viene spersonalizzato: il medico che porta il caso in discussione mantiene il rapporto fiduciario con il suo malato. Talvolta lo specialista, che poi prenderà in cura il malato, spesso si affianca al medico di fiducia per un colloquio con il paziente.

 

Come contattare il GIOT

 

Il  numero telefonico dedicato al GIOT è il 035.4204072 a cui risponde un “case manager”, un medico membro del GIOT ed è la via più diretta per contattare il Gruppo.

Le strutture sanitarie esterne, come ad esempio le strutture ospedaliere che non dispongono di una Unità Operativa di Chirurgia Toracica, possono usufruire della “consulenza” del GIOT: un caso clinico complesso può essere co-gestito con i colleghi di quell’Ospedale; dopo una valutazione, eseguita anche con la loro partecipazione, viene pianificato un programma terapeutico che può essere realizzato anche presso l’ospedale che ha osservato per primo il malato.

Con vantaggio logistico per quest’ultimo che, generalmente, risiede nella zona. Un esempio è rappresentato da un malato con una neoplasia localmente avanzata a cui viene proposto un trattamento chemioterapico cosiddetto “neoadiuvante”, cioè da fare prima di un intervento chirurgico. In questo caso il paziente effettuerà la chemioterapia nel suo ospedale per essere successivamente rivalutato ed eventualmente operato.

 

L'equipe

 

GIOTHgavazzeni

da sinistra: Eliseo Passera, Giuseppe Chiesa, Chiara Maria La Spina, Giovanni Guanella, Giovanna Rizzardi, Emilio Bombardieri, Andrea Ravasio, Luigi Bortolotti, Vittorio Vavassori, Giovanni Luca Ceresoli, Silvia Consonni, Gianluigi Ciocia, Lucia Setti, Alessandro Zanello

 

U.O. Chirurgia Toracica:

Luigi Bortolotti, Giuseppe Chiesa, Giovanni Battista Guanella, Eliseo Passera, Giovanna Rizzardi

 

U.O. Medicina d'urgenza:

Silvia Consonni, Claudia Lama

 

U.O. Medicina Nucleare:

Gianluigi Ciocia

 

U.O. Oncologia:

Giordano Beretta, Giovanni Luca Ceresoli, Cristina Ripa, Piermario Salvini, Maria Grazia Sauta, Michela Squadroni

 

U.O. Radiologia/Diagnostica per immagini:

Enzo Angeli, Alessandro Zanello

 

U.O. Radioterapia:

Andrea Ravasio, Vittorio Vavassori

 

 

 

 

Allegati:
Scarica questo file (Educational_Chirurgia toracica.pdf)Educational U.O. Chirurgia Toracica[Scarica]244 Kb

Clinche Gavazzeni spa- Via Mauro Gavazzeni, 21 - 24125 Bergamo

L'OSPEDALE

Ospedale polispecialistico a Bergamo con aree specializzate per la cura di malattie cardiovascolari, tumorali, ortopediche e legate all’obesità con un centro diagnostico all’avanguardia

Campagne di prevenzione

"ComunicAnimare la salute", un innovativo progetto di promozione della salute in collaborazione con Bruno Bozzetto.

L'UNIVERSITA'

Humanitas Gavazzeni pone particolare attenzione verso le attività di didattica, formazione e ricerca.