Per offrire una migliore esperienza di navigazione, per avere statistiche sulle nostre campagne promozionali e sull'uso dei nostri servizi da parte dell’utenza, per farti visualizzare contenuti pubblicitari in linea con le tue preferenze ed esigenze, questo sito usa cookie anche di terze parti. Chi sceglie di chiudere questo banner o di proseguire nella navigazione cliccando al di fuori di esso esprime il consenso all'uso dei cookie. Per saperne di più o per modificare le tue preferenze sui cookie consulta la nostra Cookie Policy
Stampa

Arteriopatia periferica

Pubblicato in Torace e cuore

sintesi

L'arteriopatia periferica si sviluppa quando le arterie si ostruiscono e non sono più in grado di portare con normale regolarità tutto il nutrimento di cui avrebbe bisogno il nostro corpo. Questo "intasamento" è spesso causato da un indurimento e da un restringimento delle arterie, che non si presentano più lisce ma ostruite da una placca la quale non consente il corretto flusso di sangue e ossigeno: è un processo ben noto con il nome di arteriosclerosi.


La patologia, che spesso si verifica con l'avanzare dell'età, è più frequente nei soggetti diabetici o fumatori. Per questo occorre prevenirla con una dieta equilibrata, tenendo sotto controllo i livelli di zucchero nel sangue, riducendo il colesterolo, smettendo di fumare e praticando un regolare esercizio fisico.


Diagnosi

Di solito l'arteriopatia periferica si presenta sotto forma di un forte dolore a livello degli arti inferiori (polpaccio, coscia, natiche) che ha reso nota questa patologia come "sindrome delle vetrine". È infatti tipico accusarne i sintomi mentre si passeggia, ritrovarsi quindi a zoppicare e infine decidere di fermarsi fingendo di guardare le vetrine circostanti per alleviarlo. Tuttavia questo sintomo viene spesso trascurato o minimizzato (si confonde con gli acciacchi dell'età) e non porta invece a considerare gli altri segnali attraverso cui si può verificare: il colore della cute del piede (pallido o cianotico) oppure la temperatura di un arto rispetto all'altro.

Per questo è importante rivolgersi con tempestività a un chirurgo vascolare e sottoporsi a esami specifici. In primo luogo si dovranno verificare l'aspetto, la temperatura, la pulsazione arteriosa e il flusso di sangue dell'arto colpito, senza poi escludere la presenza di eventuali lesioni. Per quanto riguarda gli esami strumentali è possibile sottoporsi a un indice caviglia-braccio (ABI) che consente invece di verificare il flusso e la pressione del sangue alla caviglia e al braccio. Per verificare la presenza di eventuali lesioni sarà infine necessario sottoporsi a un eco-doppler.

 

Trattamenti

Il primo passo nel trattamento dell'arteriopatia periferica è l'abolizione dei fattori di rischio più diffusi (colesterolo, diabete, fumo) mentre nei casi più complessi è possibile avviare anche una cura con farmaci antiaggreganti o vasoattivi.

Nel caso in cui vi sia una forte occlusione delle arterie sarà tuttavia necessaria una rivascolarizzazione tramite intervento chirurgico: angioplastica, stent o (nei casi più gravi) bypass.

 

FAQ

Ho il diabete e soffro di arteriopatia periferica: ci sono precauzioni particolari da seguire per il mio caso?

Per i pazienti diabetici la cosa più importante è evitare di avere traumi ai piedi: in quei casi è infatti maggiore la probabilità che si presentino ulcerazioni, piaghe e infezioni portando poi a conseguenze più serie.

 

Talvolta avverto un forte dolore agli arti inferiori quando passeggio, ma perché dovrei consultare addirittura un medico?

È fortemente sconsigliabile non rivolgersi a un medico in quanto, nei casi più complessi, l'arteriopatia periferica può degenerare in piaghe e cancrene che arrivano a richiedere l'amputazione dell'arto colpito da patologia.

 

Non soffro di diabete e cammino benissimo. Però fumo: è possibile che questo semplice fattore mi faccia rischiare l'arteriopatia periferica?

Per i soggetti fumatori o con un passato da fumatori il rischio di sviluppare questo tipo di patologia è quattro volte superiore rispetto agli altri.

 

 

 

 

L'OSPEDALE

Ospedale polispecialistico a Bergamo con aree specializzate per la cura di malattie cardiovascolari, tumorali, ortopediche e legate all’obesità con un centro diagnostico all’avanguardia

Campagne di prevenzione

"ComunicAnimare la salute", un innovativo progetto di promozione della salute in collaborazione con Bruno Bozzetto.

L'UNIVERSITA'

Humanitas Gavazzeni pone particolare attenzione verso le attività di didattica, formazione e ricerca.