Per offrire una migliore esperienza di navigazione, per avere statistiche sulle nostre campagne promozionali e sull'uso dei nostri servizi da parte dell’utenza, per farti visualizzare contenuti pubblicitari in linea con le tue preferenze ed esigenze, questo sito usa cookie anche di terze parti. Chi sceglie di chiudere questo banner o di proseguire nella navigazione cliccando al di fuori di esso esprime il consenso all'uso dei cookie. Per saperne di più o per modificare le tue preferenze sui cookie consulta la nostra Cookie Policy
Stampa

Controllo a distanza per defibrillatore o pacemaker

Pubblicato in Medico

SINTESI


L’Unità di Elettrofisiologia di Humanitas Gavazzeni offre un servizio di controllo a distanza, 24 ore su 24, per i portatori di defibrillatore o pacemaker, che permette al team medico e infermieristico di verificare non solo che non vi siano anomalie nel dispositivo (vale a dire che l’impianto funzioni normalmente dal punto di vista elettrico, non vi siano aritmie ventricolari o sopra ventricolari, che i parametri relativi al quadro di scompenso cardiaco mostrino livelli di normalità) ma anche la segnalazione di parametri non perfettamente nella norma, non sempre avvertiti o segnalati dai pazienti in quanto non legati a disturbi evidenti.

 

La prassi comune è che il paziente con defibrillatore o pacemaker effettui comunque regolarmente i controlli previsti, ovverosia una visita ambulatoriale ogni 6-8 mesi in ospedale (a meno di richieste particolari del medico). Il controllo a distanza consente così facendo di eseguire un controllo completo aggiuntivo ogni 2–3 mesi.

 

Si tratta di un servizio aggiuntivo che non inficia il rapporto già in corso tra medico e paziente.

 

MEDICI


A seguire il servizio di controllo a distanza è un’équipe infermieristica dedicata formata da Eleonora Filippoli, Elisabetta Gotti e Federica Merati, con il supporto medico, oltre che del dottor Giosuè Mascioli, dei dottori Elena Lucca, Chiara Belvito, Nikoloz Bakhtadze e Federica Michelotti.

 

Per maggiori informazioni, vedere il Centro Cardio di Humanitas Gavazzeni di Bergamo.

FAQ


Il paziente può richiedere il controllo a distanza?

Sì, in genere il controllo viene disposto dal medico, ma il servizio funziona anche al contrario, vale a dire attraverso una richiesta del paziente all’ospedale. In caso di reale malessere il paziente può contattare un numero di cellulare dedicato, attivo dal lunedì al venerdì dalle 9 alle10 e dalle 17 alle 18.

 

Come funziona il controllo a distanza? Dove va tenuto il trasmettitore?

Dal punto di vista logistico, quando si è a casa, il consiglio è di posizionare il trasmettitore sul comodino, vicino al proprio letto, in presenza di una linea telefonica. La trasmissione è continua, e di notte il sistema organizza tutti i dati della giornata e li trasmette. In caso di viaggi, i pazienti devono portare con sé il trasmettitore e avvisare comunque l’ospedale per evitare fermi di trasmissione dati.

 

Clinche Gavazzeni spa- Via Mauro Gavazzeni, 21 - 24125 Bergamo

L'OSPEDALE

Ospedale polispecialistico a Bergamo con aree specializzate per la cura di malattie cardiovascolari, tumorali, ortopediche e legate all’obesità con un centro diagnostico all’avanguardia

Campagne di prevenzione

"ComunicAnimare la salute", un innovativo progetto di promozione della salute in collaborazione con Bruno Bozzetto.

L'UNIVERSITA'

Humanitas Gavazzeni pone particolare attenzione verso le attività di didattica, formazione e ricerca.