Per offrire una migliore esperienza di navigazione, per avere statistiche sulle nostre campagne promozionali e sull'uso dei nostri servizi da parte dell’utenza, per farti visualizzare contenuti pubblicitari in linea con le tue preferenze ed esigenze, questo sito usa cookie anche di terze parti. Chi sceglie di chiudere questo banner o di proseguire nella navigazione cliccando al di fuori di esso esprime il consenso all'uso dei cookie. Per saperne di più o per modificare le tue preferenze sui cookie consulta la nostra Cookie Policy
Stampa

Congelamento

Pubblicato in Primo soccorso

 

Che cosa si intende con congelamento?

Si ha congelamento quando il corpo o anche solo una sua parte viene esposto a temperature molto basse, che provocano una costrizione dei vasi sanguigni e di conseguenza una difficile circolazione del sangue e uno scarso apporto di calore e ossigeno ai tessuti.

 

Nella maggior parte dei casi il congelamento interessa le parti terminali del corpo: mani, piedi, orecchie e naso.

 

Quali sintomi possono essere associati al congelamento?

Il congelamento provoca anzitutto insensibilità e quindi in una prima fase non prevede dolore. Questo si sviluppa però in una seconda fase.

 

Con il congelamento la pelle assume coloriti differenti, a seconda della fase in corso: in un primo momento appare rossa, poi diviene pallida e infine diventa blu cianotica. Varia anche la consistenza della pelle: da morbida diviene, col passare del tempo, dura.

 

Un congelamento avanzato provoca bolle che inizialmente sono trasparenti e in seguito si riempiono di sangue. A congelamento avanzato queste bolle si trasformano in piaghe, con la pelle che assume un colore violaceo intenso.

Che cosa bisogna fare in caso di congelamento?

In presenza di assideramento bisogna intervenire con urgenza per evitare che si verifichi la morte delle cellule (necrosi) dei tessuti non irrorati dal sangue. Se la parte colpita è coperta e la pelle è ancora intatta bisogna liberarla e cercare di scaldarla con immersioni ripetute – soprattutto quando si tratta di mani e piedi – in acqua tiepida.

 

Non bisogna preoccuparsi se durante questa operazione la persona colpita da congelamento avverte dolore: significa solo che sta riacquistando la sensibilità.

 

La parte del corpo scaldata deve in seguito essere asciugata con leggere frizioni. In attesa dell’arrivo dei soccorsi la persona colpita deve essere tenuta al caldo, anche con coperte, stando però bene attenti a evitare il contatto di queste con le parti interessate.

Che cosa non bisogna fare in caso di congelamento?

In caso di congelamento non bisogna sfregareschiacciare la parte del corpo colpita nel tentativo di scaldarla. Da evitare è anche l’assunzione di alcol. In caso di congelamento ai piedi bisogna evitare di camminare.

 

 

Importante avvertenza

Le informazioni di questa scheda forniscono semplici suggerimenti utili a tenere sotto controllo la situazione in caso di attesa dei soccorsi e non sono in nessun caso da considerarsi interventi che possano sostituire l’intervento degli operatori di primo soccorso.

 

L'OSPEDALE

Ospedale polispecialistico a Bergamo con aree specializzate per la cura di malattie cardiovascolari, tumorali, ortopediche e legate all’obesità con un centro diagnostico all’avanguardia

Campagne di prevenzione

"ComunicAnimare la salute", un innovativo progetto di promozione della salute in collaborazione con Bruno Bozzetto.

L'UNIVERSITA'

Humanitas Gavazzeni pone particolare attenzione verso le attività di didattica, formazione e ricerca.